15 Lug 2019
  • digitalizzazione

La digitalizzazione delle aziende passa principalmente per l’eliminazione del cartaceo e per un più efficiente rapporto con i propri clienti. Ma questa è la proverbiale punta dell’iceberg. In realtà le aziende moderne possono digitalizzare tutti i processi interni allo scopo di raggiungere un’efficienza superiore, che dovrà fare la differenza in sede di analisi dei costi, analisi della produttività e gestione del personale.

L’innovazione tecnologica non passa dunque solo per la costruzione di un sito web efficiente o di un’applicazione per dialogare con la clientela o con i fornitori o per un software gestionale multiuso. È molto più complessa e richiede un approccio completamente diverso ai processi gestionali messi in pratica fino a quel momento.

Il controllo di gestione si può dire che l’essenza stessa di un management fatto a regola d’arte. In organizzazioni aziendali più complesse, con reparti e livelli che interagiscono quotidianamente tra di loro, la tecnologia digitale deve poter aiutare a raggiungere gli obiettivi, snellire le pratiche e soprattutto fornire spunti di analisi per una migliore gestione complessiva.

Quando si digitalizza un processo, è necessario non solo automatizzare il flusso di lavoro esistente, ma anche cercare di migliorarlo. Analizzare ogni singolo processo, vedere quali passaggi intermedi si possono tagliare e quali documenti sono inutili o eccessivi, rispetto al quadro generale. Il miglioramento è una parte integrante della trasformazione digitale e può consentire di svolgere analisi approfondite su ogni ambito. Non ha senso mettere in piedi una struttura informatica e digitale che ricalchi, nella pratica quotidiana, i difetti dei processi analogici, tradizionali.

Dal punto di vista culturale si tratta di una trasformazione rivoluzionaria.

La digitalizzazione infatti può investire:

La moderna tecnologia non richiede solo adattamento. Le imprese con più di 50 dipendenti dovrebbero cambiare approccio e considerare la digitalizzazione e l’automazione come degli strumenti strategici, non come un mero uniformarsi ai tempi che corrono. Le soluzioni offerte da Compendium devono essere pensate alla stregua di sensori molto intelligenti che consentono di valutare, da ogni angolazione, e quindi secondo una prospettiva molto più spaziale, i più importanti processi aziendali.

Le caratteristiche dell’innovazione tecnologia portano le aziende a inserire trasparenza nell’analisi della produttività dei dipendenti, dei reparti e dei quadri, una cultura orientata al raggiungimento dell’obiettivo, meritocrazia, processi decisionali democratizzati e comprensibili, coordinamento sociale e organizzativo. In una semplice parola: leadership. Una leadership che consente all’azienda di crescere, innovarsi, mantenersi flessibile, reattiva rispetto alle sfide del mercato, della globalizzazione, dei mutamenti legislativi, economici e sociali.

Un altro fattore molto importante è che questi cambiamenti economici renderanno sempre più complicato il forecasting. I cambiamenti, nell’era della digitalizzazione e dell’information technology, saranno così veloci e inaspettati che avere in mano analisi di previsione circostanziate sarà considerato un vantaggio competitivo nei confronti delle altre aziende. Il forecasting e il budgeting saranno un tutt’uno con il planning, per cui la strategia di sviluppo si baserà su numeri e analisi precise (soprattutto sui costi e sulla redditività delle unità produttive) che consentiranno nuove opportunità. Più rischi sì, ma che possono essere attutiti e girati a proprio favore grazie a strumenti come quelli offerti da Compendium nel controllo di gestione.

In sostanza, se digitalizzare può apparire complicato, ci sono enormi vantaggi nello snellire i processi interni, ma soprattutto si possono cogliere delle possibilità di aumento dei margini, che potrebbero essere decisive per il futuro della vostra azienda.

I nostri consulenti costruiranno, insieme a te, la soluzione migliore per far crescere la tua azienda.

Contattaci